melissa basta
Guardarsi dentro, senza timore

Guardarsi dentro, senza timore

persone tossiche

Chi sono le persone tossiche? 18 caratteristiche per riconoscerle

Le persone tossiche sono negative e nocive per la propria salute mentale e fisica. 

Quando instauri un legame con una persona tossica (che può essere d’amore, amicizia, genitoriale, lavorativo), può essere complicato, soprattutto all’inizio, prendere consapevolezza del soggetto che si ha realmente di fronte. 

Una persona negativa è capace di scaricarti addosso il peso delle sue frustrazioni, indurti a dubitare di te stesso/a, abbassare al minimo i tuoi livelli di autostima, costringerti ad uno stato continuo di stress e sofferenza. Ancora, le persone tossiche ti privano della tua energia, del tuo entusiasmo; sono capaci di risucchiarti l’anima e ridurre la tua personalità a brandelli, creando profondi squarci nel tue equilibrio emotivo mentre danzano soddisfatte su ciò che rimane di te.

Per questi motivi, è di fondamentale importanza saperle riconoscere.

Ti avverto fin da subito: questo articolo non sarà breve, ma ti assicuro che, se arriverai fino alla fine, avrai costruito un muro di scudi impossibile da penetrare.

PERCHÉ ATTIRO PERSONE TOSSICHE?

Ad ognuno di noi è capitato, almeno una volta nella vita, di attirare persone tossiche. 

Se ti stai chiedendo il perché questo accade, la risposta consiste nel fatto che esistono eventi e situazioni che ci rendono vulnerabili e, la vulnerabilità, è il pasto preferito delle persone tossiche. 

Quando siamo deboli, insinuarsi nella nostra mente non è per niente complicato. Se, ad esempio, si è stati vittime di traumi, perdite o mancanza di figure forti al proprio fianco in grado di sostenerci nelle fasi più delicate del nostro sviluppo, la percentuale di attirare persone tossiche tocca il suo picco.  

Abili manipolatrici, le persone tossiche appaiono inizialmente come attente e amorevoli; pronte a soddisfare e alimentare il tuo ego – assieme al tuo bisogno di approvazione – nutrendolo di tutto ciò che ha bisogno. In poche parole: capiscono esattamente quando, come e cosa vuoi sentirti dire, utilizzando queste informazioni per renderti un perfetto burattino mosso dai fili della loro tossicità.

Come un demone che vuole rubarti l’anima e calpestarti senza preoccupazioni, la personalità tossica di questi soggetti si rivela solo in un secondo tempo, quando ormai si è immersi nel tunnel di quel legame senza possibilità di distinguere la realtà.

18 CARATTERISTICHE PER RICONOSCERE LE PERSONE TOSSICHE

1. Zero empatia

La persona tossica non prova reale empatia verso gli altri esseri umani; la tua sofferenza, anche se apparentemente viene accolta, non ha in realtà nessun valore per lei. Non ha la capacità di mettersi nei tuoi panni o in quelli d’altri; quando glielo si fa notare, la reazione è quella di rabbia, fastidio, incredulità, che finirà quasi sicuramente in un litigio nel quale sarai tu ad avere la peggio.

Tenti disperatamente di spiegargli il tuo stato d’animo, senza alcuna speranza. Magari, il tuo dolore, i tuoi problemi, vengono poi anche derisi, sminuiti o utilizzati a suo vantaggio (quest’ultimo concetto, te lo spiego tra poco).

un uomo giù di morale per colpa delle persone tossiche

2. Continue bugie e comportamenti manipolatori 

Manipolazione e bugie sono all’ordine del giorno; nel momento in cui riesci a scoprire le sue menzogne e sbugiardarlo, il soggetto tossico reagisce senza mostrare alcun tipo di rimorso, pentimento, imbarazzo o dispiacere. Paradossalmente, anche in questa situazione, riuscirà quasi sicuramente a farti dubitare di te stesso/a e della realtà dei fatti.

Non solo, la persona tossica manipola anche le persone intorno a te, cercando di farti terra bruciata pur di dimostrare che hai torto, pur di dimostrare che sei pazzo/a e visionario/a. Laddove riesce nel suo intento, queste persone diventano pedine nella sua grande scacchiera che utilizza, all’occorrenza, come alleati ignari (purtroppo, ti assicuro che sa essere molto convincente e credibile).

Oltre a questo, tende a circondarsi di persone che la pensano come lui/lei; a questo punto è probabile che tu inizi a dubitare di te stesso/a, perché vedi un mucchio di persone dargli ragione. In realtà non ne ha: come è riuscito/a a manipolare te, ci è riuscito/a anche con loro, grazie alle sue abilità tossiche e nocive.

3. Nessuna responsabilità

Non sperare che la persona tossica con la quale hai a che fare riesca a fare ammenda e assumersi le proprie responsabilità; non sprecare energie mentali nel cercare una strategia per far si che accada: non ci riuscirai. Non succederà mai.

Sono persone sempre pronte a dare la colpa agli altri. Troveranno sempre, e dico SEMPRE, un motivo per giustificare le proprie azioni e far apparire tutti gli altri, compreso/a te, come sbagliati. Non è strano se, ad un certo punto, diventi il suo capro espiatorio.

Regola generale per una persona tossica: ignorare totalmente i suoi errori, sottolineando i tuoi (anche quelli inesistenti e inventati, è chiaro).

4. Idealizzazione-svalutazione

Che sia un oggetto, una persona, una situazione, un meteorite, un pianeta della galassia lontana anni luce dalla terra o una penna per scrivere, poco importa. L’individuo tossico è capace di manifestare immensa ammirazione e affetto per qualsiasi cosa/persona (per lui rientrano nello stesso insieme), per poi riuscire a cambiare immediatamente idea, adottando atteggiamenti di improvvisa svalutazione.

Le sue idee cambiano di continuo; un odi-et-amo talmente altalenante che tu non fai in tempo nemmeno ad accorgertene. Un istante prima rasenti la perfezione; l’istante dopo sei peggio dell’immondizia in decomposizione. 

Te ne stai lì, nel mezzo di questa tempesta emotiva, senza energie, senza sicurezze. Ed ecco che così, rendendoti debole e vulnerabile, la sua influenza sulla tua persona, aumenta a dismisura.

La conseguenza di questo atteggiamento, inoltre, è anche questa: minando la tua stabilità emotiva e rendendoti sempre più vulnerabile, riesce pian piano ad annullare la fiducia in te stesso/a, facendoti credere che senza la sua presenza non vali nulla. Riesce così a far ruotare la tua vita tutta intorno a sé.

5. Gaslighting

Una delle forme di manipolazione e violenza psicologica preferite delle persone tossiche. Che lei/lui sia un amico/a, fidanzato/a, datore di lavoro o un genitore, utilizzerà al 100% questa tecnica su di te. 

Il Gaslighting consiste nel distorcere la percezione della realtà che ha la vittima, al fine di farle mettere in dubbio la propria sanità mentale e dubitare di se stessa. La persona tossica, attraverso questa forma di abuso, cerca di convincerti a considerare le tue percezioni, credenze e ricordi come errati e/o inaffidabili.

Frasi come: “io non ho mai detto questa cosa”; “come fai a non ricordarlo? Sei tu che mi hai detto questa cosa”; “Forse volevi dirmelo, ma non lo hai fatto”; “perché stai dicendo questa cosa? non dovresti dire bugie!Sei bugiardo/a!”.

Inutile portare prove a tua discolpa o dimostrare concretamente che hai ragione: questa persona negherà e ignorerà tutto quanto e, anzi, ti dirò di più! Ti criticherà, ti insulterà e ti farà apparire “pazzo/a”. E tu, a tua volta, arriverai a dubitare di te stesso/a, in un sentimento di profonda angoscia e depressione.

gesto del silenzio

6. Violenza verbale, insulti

Beh, credo che il sottotitolo parli già da solo… credo di non dover aggiungere altro, se non questo: gli insulti servono a renderti fragile. Più diventi tale, più la tua autostima diminuisce, più pensi di meritarli.

…Un perfetto contenitore per la sua insoddisfazione.

7. Il tuo malessere è SEMPRE minore rispetto al suo

Le persone tossiche sono totalmente concentrate su se stesse. Qualsiasi forma di malessere, sofferenza o dolore tu possa esprimere, non sarà MAI alla pari di ciò che provano loro. 

Il soggetto tossico anche se può illuderti e convincerti, col suo fare manipolatorio, di essere un abile ascoltatore e una persona pronta ad accogliere qualsiasi tuo stato d’animo, in realtà non è capace di farlo (come dicevo prima, oltre a tante altre cose, manca di empatia. Totalmente). Quello che fa, invece, è assorbire i tuoi vissuti interiori per carpire i tuoi punti deboli e utilizzarli a suo favore, per aumentare il potere e l’influenza che ha su di te. 

Inoltre, più esprimi un tuo eventuale malessere e più ottieni risposte superficiali, che ti fanno sentire non compreso/a, inserito in un gioco dove il tuo male viene sminuito rispetto al suo. Quasi come una gara a chi soffre di più.

In risposta alla tua sofferenza, ad esempio, puoi sentire frasi come: “eh non hai idea allora di quanto ho sofferto/soffro io!”; “questo non è niente rispetto a quello che ho passato io”; oppure, di tutta risposta sposta l’attenzione su di sé, cercando qualsiasi appiglio per raccontarti la “tragicità” dei suoi vissuti.

8. Pietà e storie patetiche 

La persona tossica non sbaglia mai e, quando lo fa, sicuramente la colpa è di un altro o del suo passato. Dei genitori. Di un amico d’infanzia di cui non ricorda il nome. Delle lenzuola sgualcite di tre anni prima. Del cane del vicino. Della foglia che si è permessa di cadere dall’albero in autunno e traumatizzarlo/a. Di un ex. Del passante distratto. Della panna montata male. La lista è lunghissima e…non sto scherzando; ci crede sul serio. 

È una persona che cerca sempre la pace, la serenità; desidera la tranquillità, raggiungere il nirvana in un mondo fatato…peccato che il mondo è un suo acerrimo nemico. Tutti gli remano contro. Odia le scenate, odia il casino, però, per colpa di un fato funesto, la sua vita conta più litigi di qualsiasi altra persona tu abbia mai conosciuto (se te lo stai chiedendo, SI, crede anche a questo, convinto al 100%, come lo è un colpevole che si dichiara innocente).

9. Critiche e pareri contrari non sono ammessi

Il soggetto tossico fa di tutto per apparire una persona diplomatica e aperta al dialogo; peccato che ogni confronto, invece che essere costruttivo è in realtà DISTRUTTIVO. Se provi ad apportare un qualsiasi tipo di critica verso la sua persona, o azzardi un pensiero contrario/diverso dal suo, comincerà un processo alle tue idee. 

Le modalità nelle quali lo manifesta sono diverse; il ventaglio di tecniche può comprendere: insulti, violenza verbale, sminuire le tue idee perché ritenute sbagliate. Oppure, in maniera più subdola, utilizzerà modi gentili (ma pur sempre manipolatori) per dimostrare che, anche laddove è stato/a lui/lei stesso/a a chiederti un parere o un consiglio, tu in ogni caso non hai ragione. 

Quest’ultimo caso, quello dove è lui/lei a chiedere un parere o un consiglio, è particolare. Ti chiederai perché contrastarti se la richiesta non è partita da te ma dall’altra persona. La spiegazione è questa: tu sei un contenitore dove riversare tutto il suo fiume di veleno. La tua funzione è quella di farti riempire, non di restituire.

Mentre tu sei impegnato/a a dare i tuoi consigli, inizia a spazientirsi; in realtà te li ha chiesti ma non li vuole. Ha solo bisogno di buttare fuori tutto quanto ciò che circola nel suo cervello, giocando sul fatto che tu vuoi sentirti utile.

10. Negatività e amarezza

La vita è un cielo costellato da negatività e amarezza. Rimpianto. Lamenti continui. Desideri impossibili da realizzare. Dunque, tutto fa schifo. Il mondo fa schifo, le persone fanno schifo, la vita fa schifo. “Schifo” è la sintesi della filosofia di vita di una persona tossica. 

Potrai sforzarti fino allo stremo nel tentativo di fargli cogliere i lati positivi delle cose, anche in quelle situazioni dove oggettivamente poi, di tanto sforzo, non c’è nemmeno bisogno. Questa persona troverà comunque i lati negativi e, se non li troverà, farà qualcosa per fare in modo che ci siano (magari, rovinando il momento, facendoti sentire inadeguato/a).

Ci tengo a specificare una cosa: non sto affatto parlando di pessimismo. La persona pessimista non è detto che sia una persona tossica. La differenza tra le due, è che quest’ultima non riesce a vedere le cose rapportate anche in relazione agli altri. Analizza la realtà in maniera del tutto egocentrica; il focus centrale è sulla sua persona. Lei è vittima di questo schifo; se fossero tutti come lei, questo schifo sicuramente non ci sarebbe (infatti, ha ragione: sarebbe peggio).

ragazza confusa per colpa di una persona tossica

11. Comprensività apparente

Un’altra tecnica di manipolazione utilizzata dalle persone tossiche è quella di apparire estremamente comprensivi. 

Se ad esempio ti capita di avere un litigio con questa persona, o di parlargli di un tuo malessere rispetto ad atteggiamenti che ha avuto nei tuoi confronti, la sua reazione iniziale è quella di apparire comprensiva/o. Ti dirà che ha capito perfettamente il tuo punto di vista e che puoi tranquillizzarti. 

In realtà, il suo intento è solo quello di farti abbassare la guardia. In poche e semplici parole: appena si presenta l’occasione, torna tutto come prima.

12. Utilizzare i tuoi vissuti come arma

Prima regola che si impara dopo aver avuto a che fare con persone tossiche: non confidarsi.

Nel momento in cui confidi un tuo vissuto intimo, delicato o, peggio, un tuo segreto, ti potrà subito sembrare che questa persona sia davvero comprensiva nell’ascoltarti. 

Quello che sta accadendo, invece, è che gli stai dando accesso ad una parte intima e profonda di te che utilizzerà come arma per ferirti. I tuoi punti deboli saranno per lui/lei il bersaglio perfetto da colpire per indebolirti. Ricordi il primo punto di questa lista? Zero empatia.

13. Ipocrisia, ipocrisia e ancora ipocrisia

La persona tossica pretende rispetto, affetto, adorazione (infatti, tende anche a circondarsi di persone pronte ad elogiarla). Può sbagliare, può ferirti, ma tu devi idealizzarlo/a anche qualora – sempre – non ricambi. Anche se ti mente, tradisce (nel caso di un partner), manipola, critica, sminuisce.

Se non lo fai sei pazzo/a, falso/a, manipolatore/trice (e, mi viene da dire: da che pulpito), instabile.

14. Arroganza vs. Umiltà

Il soggetto tossico prova un grande senso di superiorità rispetto a chiunque. Pronto a giudicare e criticare ogni essere umano – ovviamente anche te, ricordalo –, con la sua altezzosità irritante. 

Crede di sapere tutto e di agire sempre nel giusto, senza mai tenere conto del bisogno o del parere altrui, di opposizioni, richieste o proposte, anche se giuste. 

In opposizione, ti stupirò, esistono persone tossiche molto umili…ma l’apparenza, come sappiamo, inganna. Le persone possono descriverla come una brava persona, disponibile, sommessa; questo accade perché ignorano totalmente la sua natura. Come ti dicevo, da abile manipolatore/trice, adotta questo comportamento per entrare nelle grazie di chi è totalmente ignaro della sua vera personalità.

15. Atteggiamento passivo aggressivo

Questo è uno degli atteggiamenti più subdoli. Chi lo utilizza, lo fa perché prova ostilità nei tuoi confronti; un’ostilità che non può palesare, in quanto avresti una prova tangibile del suo atteggiamento. I comportamenti passivo/aggressivi caratterizzano quelle persone tossiche difficili da scovare.

Ricordi la storia del recipiente? Anche qui, assolvi quella funzione. Per questo tipo di persona, tu rappresenti ciò che lei vorrebbe essere ma non è. Poniamo il caso che tu abbia raggiunto una tua stabilità (esempio: emotiva, economica, sentimentale, eccetera), il suo obiettivo è quello di minarla.

Comincia così a sabotarti partendo dalle piccole cose. Facciamo un altro esempio: hai avviato un nuovo progetto; glielo racconti, e uno dei commenti che fa è: “ma non sarà troppo difficile da realizzare?”. Di primo impatto un’affettuosa preoccupazione, senza dubbio. Quello che cela però, è ben altro. Con queste parole, ci ha tenuto a sottolineare la fragilità di ciò che tu stai facendo; ciò che può sembrare un incoraggiamento e che si traveste da consiglio, ha solamente l’intento di punzecchiarti in quelle “falle” dove tu puoi essere considerato/a debole. 

Le persone tossiche non cercano MAI di ispirarsi agli altri o elevarsi per superarli; ciò che vogliono è portare tutti al loro livello. Se vedono che la tua vita procede serenamente, non si chiedono MAI come poter fare a loro volta per trovare quella serenità: crederanno sempre che “nascondi del marcio nella tua vita perfetta”, e che il loro scopo è scovarlo.

Ah! quasi dimenticavo! Quando questo nobile scopo non viene raggiunto, improvvisamente vieni allontanato/a. Rinnegato/a. Come se non esistessi più. Perché? Semplice (ovviamente sono ironica, non è semplice): eliminandoti dalla loro vita non avranno più modo di confrontarsi con te; un confronto che, chiaramente, non riescono a reggere.

donna mascherata che fa il gesto del silenzio

16. Egoismo 

L’individuo tossico è profondamente egoista, anche nel suo apparire altruista (torniamo sempre al concetto di manipolazione). L’interesse principale che ha è solo quello verso le sue ambizioni, preoccupazioni, interessi e obiettivi. Farebbe quindi di tutto pur di raggiungere i suoi scopi, nobili o meno che siano. 

Puoi accorgertene perché solitamente sono persone non disposte a cedere, sempre pronte a fare pressioni ed esasperare le tue decisioni, anche quelle che vanno contro il tuo desiderio e i tuoi valori.

17. Allergia all’evoluzione e ai cambiamenti

Cambiare, evolvere, adattarsi, fa parte della vita di ognuno di noi… a meno che “ognuno di noi” non voglia dire persona tossica. 

Così come non sono disposte a cedere, le persone tossiche non sono disposte nemmeno a cambiare. Non sperare di vedere un’evoluzione da parte loro. Non la vedrai, e proverai solo un’amara delusione nell’averci creduto.

18. La persona toxic che legge questo articolo

Finalmente ci siamo arrivati e possiamo fare la sua conoscenza: la persona toxic che legge tutte queste caratteristiche e non si riconosce nemmeno in una …ma le mette in atto tutte, o quasi (dai, voglio essere buona).

ATTENZIONE! Ho un’ultima cosa da dirti…

Per evitare equivoci e, visto che siamo in tema, manipolazioni, ci tenevo a specificare un’ultima questione. La persona, per essere definita TOSSICA, non deve fare bingo e possedere per forza tutte queste 18 caratteristiche.

Come dico sempre ognuno di noi è una persona a sé; può capitare che una persona tossica manchi di empatia, adotti un atteggiamento passivo/aggressivo, sia egoista e concentrata su se stessa, senza però agire comportamenti violenti e/o minatori.

Queste che ho tracciato sono delle caratteristiche generali da osservare nelle persone che hai intorno e/o affianco e che, nel momento in cui le hai individuate, ti portino a pensare di scappare a gambe levate …O almeno spero!

Se hai bisogno di un confronto, non esitare a scrivermi! 🙂

 

Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
melissa basta

Mi chiamo Melissa (Meli o Mel, di solito) e sono una scrittrice. “Guardarsi dentro, senza timore” è il mio mantra, la base da cui partire, il motto che sostengo e ciò che vorrei fosse d’ispirazione.

Melissa Basta
Seguimi anche su:
Articoli recenti

RESTIAMO IN CONTATTO!

Iscrivendoti, rimarrai costantemente aggiornato/a su tutte le novità relative al blog…e non solo! Entra anche tu a far parte della community:

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente!

RACCONTA LA TUA STORIA

Se hai vissuto una situazione particolare o un evento che ti ha segnato; se ritieni che il racconto di una parte, o tutta, la tua vita possa essere d’aiuto a qualcuno, d’ispirazione, di conforto, vicinanza, esempio o forza:

Partecipa anche tu al progetto “STORIE DI VITA” e dai valore alla tua storia personale!